Arte Spettacolo Friuli-Venezia Giulia: Spaziocielo essenza oltremare

Categoria: Arte Spettacolo Provincia di Trieste

Quando si terra' Arte Spettacolo Friuli-Venezia Giulia: Spaziocielo essenza oltremare?

Il giorno 01/06/23 dalle 18:00:00 alle 20:00:00

Dove si terra' l'evento?

piazza dell’Unità d’Italia, 4 – 34121 Trieste

Di cosa si tratta: Arte Spettacolo Friuli-Venezia Giulia: Spaziocielo essenza oltremare?

Arte Spettacolo Friuli-Venezia Giulia: Spaziocielo essenza oltremare
Silvia Ciaccio: Spaziocielo essenza oltremare Inaugurazione giovedì 1 giugno 2023 alla Sala Comunale d’Arte di Trieste Giovedì 1 giugno alle ore 18 s’inaugura alla Sala Comunale d’arte di Trieste (piazza dell’Unità d’Italia 4) la personale SPAZIOCIELO ESSENZA OLTREMARE dell’artista SILVIA CIACCIO, curata dall’architetto Marianna Accerboni. In mostra una ventina di raffinate ed essenziali interpretazioni dell’immensità, intesa come ampiezza degli spazi del mare e del cielo, ma anche come vastità di pensiero. Un messaggio criptico e raffinatamente concettuale che l’artista milanese - figlia d’arte (il padre Roberto era pittore di chiara fama, dalle frequentazioni internazionali), laureata in estetica e da sempre profondamente legata a Trieste - propone di fronte alla linea d’orizzonte infinito su cui si apre la sala che ospita l’esposizione. Fino al 25 giugno / orario: tutti i giorni 10 – 13 e 17 – 20 / info silviaciaccio@hotmail.it / +39 333 6781784). Il progetto espositivo Spaziocielo allude alla dimensione fisica e concettuale dell’immensità, intesa come ampiezza degli spazi del mare e del cielo, ma anche come vastità di pensiero. Spaziocielo è un luogo monocromatico d’incontro tra cielo e mare, in cui terra e aria si sfiorano; è una dimensione liminare che schiude varchi di pensiero verso l’immensità, una soglia orizzontale tra il mondo celeste e quello terrestre, un limite indefinito in cui la molteplicità cromatica, dal blu al viola, dall’azzurro al rosa, dall’indaco al grigio argenteo, spalanca la via verso l’ignoto. Le opere colgono quello spazio indefinito, di confine, caratterizzato da una potente forza generatrice di sogni, immagini e voli onirici. La vista dell’ampiezza spinge, infatti, continuamente a sognare e ad immaginare altro, oltre l’orizzonte. Dalla contemplazione di questa particolare atmosfera, che caratterizza la città di Trieste, sono nati piccoli spazi pittorici monocromatici, che restituiscono le percezioni sensoriali delle diverse ore del giorno, a seconda delle diverse esposizioni alla luce. Le tonalità del rosa sfumano nel viola, il blu scolora nell’azzurro, l’indaco si adagia polveroso sul grigio argenteo, rivelando i segreti del mare al cielo e viceversa. La mostra si compone di due momenti: nella prima sala il lavoro è interamente dedicato alla città di Trieste. Accanto ai piccoli monocromi, due grandi fogli di lavoro trattengono le tracce della stesura dei colori e i passaggi del gesto pittorico, in cui si coglie la nostalgia del mare e del cielo. Due sottili lastre di alluminio ossidate, dipinte di celeste, riflettono i bagliori argentei del mare, illuminato dalla luce del sole. Infine, all’interno di boccette di vetro, chiuse da un tappo grezzo di sughero, sono raccolte quelle spugne imbevute di colore, che, come pennelli di corallo, hanno lasciato traccia sui fogli; alla base delle boccette una lastra di plexiglass specchiato ricorda allo sguardo la superficie liquida del mare. Accompagna il lavoro un video girato tra l’atelier dell’artista e la città di Trieste nel quale, attraverso un movimento ciclico di allontanamenti e ritorni, si assiste ad una fusione atmosferica di cielo e mare. Nella seconda sala vengono esposte grandi carte veline realizzate a tecnica mista, tre delle quali sono nate per consonanza con il brano musicale di Claude Debussy, La Cathédrale Engloutie. Nel componimento musicale si ode il suono delle campane di una cattedrale bretone inghiottita dal mare; ne derivano opere che appaiono come narrazioni musicali di paesaggi sonori interiori. Altre due grandi carte veline sono invece attraversate da un lento processo di decostruzione della materia e di sottrazione del colore che porta all’essenza dell’essere. Infine troviamo un trittico su carta da stampa e colore vinilico in cui, attraverso una sottile fessura di luce, si coglie per un istante la verità oltre l’immagine. SILVIA CIACCIO nasce a Milano nel 1985 e trascorre lunghi periodi nella città di Trieste. Si laurea in estetica studiando il monocromo come luogo di massima concentrazione del pensiero. Lavora su carta velina, le cui trasparenze conducono verso un astrattismo atmosferico, e su lastre di acciaio corten, le cui ossidazioni portano ad un processo alchemico di perfezionamento della materia. DOVE: Sala Comunale d’arte – piazza dell’Unità d’Italia, 4 – 34121 Trieste QUANDO: 1 - 25 giugno 2023 ORARIO: tutti i giorni 10 – 13 e 17 - 20 A CURA DI: Marianna Accerboni CATALOGO: si INFO: silviaciaccio@hotmail.it / +39 333 6781784

Arte Spettacolo Provincia di Trieste

Arte Spettacolo Friuli-Venezia Giulia: Spaziocielo essenza oltremare

- Visualizzazioni 83



Vuoi essere sempre aggiornato sui nostri eventi? Scarica la App GUIDA EVENTI E SAGRE

Condividi l'evento su Facebook

Le guide eventi di giraitalia

Guida Friuli-Venezia Giulia

La guida di Friuli-Venezia Giulia che riporta tutti gli eventi organizzati per categoria.

Guida Arte Spettacolo

La guida Arte Spettacolo che ti informa di Arte Spettacolo organizzate nel territorio italiano.

Arte Spettacolo Friuli-Venezia Giulia

La guida Arte Spettacolo Friuli-Venezia Giulia specifica per Arte Spettacolo organizzate in Friuli-Venezia Giulia.



  • {{eventi.nome}}

    Il {{eventi.giorno}} dalle {{eventi.sora}} alle {{eventi.eora}}

    {{eventi.indirizzo}}

    {{eventi.nome}}

    {{eventi.indirizzo}}

  • Scegli di avere i tuoi annunci in vetrina con la foto!
    Attiva l'opzione nella scheda del tuo evento
  • Scopri come avere i nostri eventi nel tuo sito web

  • Strutture partner